destriero guidottiships

Destriero II

L’armatore Domenico Guidotti, della omonima azienda, ha accolto ieri mattina nel porto san giorgese il suo Destriero, uno dei mezzi nautici più potenti di tutto l’Adriatico. L’imbarcazione ha fatto una sosta tecnica nel porto sangiorgese, diretta a Termoli, in Molise, dove si trova il quartier generale dell’armatore. Di porti ne vediamo molti racconta Guidotti e posso dire che qui da voi siamo stati bene, uno degli approdi più sicuri. Si riferisce al Francesco Guidotti il mezzo che fino allo scorso anno era di casa a Porto San Giorgio, e che poi, per problemi tecnici, ha dovuto lasciare ed andare a Civitanova. Sulla banchina, mentre l’imbarcazione ormeggiava, ad accogliere l’equipaggio c’erano il sindaco Nicola Loira, il comandante della capitaneria di Porto, Ciro Petrunelli, e il responsabile tecnico della struttura portuale, Basilio Ciaffardoni.

Il Destriero II le cui operazioni avvengono con il coordinamento della Guardia Costiera, può arrivare fino a 100 miglia dalla costa, ed è dotata di tecnologie avanzate. Può lavorare come piattaforma di trasporto, può essere impiegata per operazioni marittime varie, può fare dragaggi. Molte funzioni sono svolte grazie alla robotica, ma l’equipaggio, spe-cializzato, è indispensabile ad ogni operazione. Lo stesso comandante della nave, Cristiano Listorto, ha ruoli operativi e non si limita solo a dirigere il lavoro.

Il mezzo può effettuare varie in mare, perchè tollera basse velocità , e può anche intervenire nel recupero di persone in difficoltà , dal momento che raggiunge anche velocità  molto elevate. Questo è un punto di forza dell’imbarcazione, la cui dotazione sanitaria è degna di qualsiasi mezzo da crociera. A bordo, infatti, la cassetta del pronto soccorso ha farmaci per 4500 euro, e i giubbotti di salvataggio sono di ultima generazione, a contatto con l’acqua si gonfiano. E se ci sono naufraghi a bordo, vengono trasportati nelle migliori condizioni possibili: le 25 poltrone in dotazione sono imbottite. Il tutto nella più ampia garanzia di qualità , le cui procedure vengono gestite direttamente dal personale nautico e dagli uffici, affidando ad enti esterni solo la verifica che tutto avvenga secondo le normative internazionali. La prospettiva, nemmeno troppo remota, è che nel porto san giorgese tornino a stazionare i mezzi della Guidotti. Magari proprio il Destriero. Speriamo che il nostro porto torni agli antichi splendori, chiude Basilio Ciaffardoni a trent’anni dalla sua realizzazione la struttura non è stata scalfita dal tempo ed è ancora una delle più sicure.

You may also like
Interview to Basilio Ciaffardoni

Leave a Reply